Archive for the ‘ToDo’ Category

Di promesse della matematica e intellettualoidi radical chic

Oggi ho sentito la notizia che un nostro connazionale ha vinto la prestigiosa medaglia Fields, sostanzialmente il premio Nobel per la matematica, riservato agli under 40. Belloccio, faccia pulita, sorriso disteso, curriculum di tutto rispetto, dichiarazioni di soddisfazione sobrie e pacate rilasciate ai media. Che dire, congratulazioni Alessio Figalli!

Eppure, come non pensare immediatamente a Grigorij Perelman, il genio assoluto che ha dimostrato uno dei problemi del millennio (la congettura di Poincaré) e poi ha avuto la sfrontatezza di mandare tutti al diavolo (dopo che un gruppo di matematici cinesi aveva tentato di fregargli il risultato presentato una dimostrazione parziale della congettura), rifiutando il premio da un milione di dollari in palio e l’assegnazione della medaglia Fields.

Grigorij, ritiratosi (o rintanatosi?) a vita privata, sparito completamente dalla circolazione, raramente fotografato ma quelle rare volte sempre in homeless attire, che incrociandolo per strada parrebbe un poveraccio qualunque se non uno un po’ squilibrato. L’antitesi dell’hipster vacuo e inebetito. Grigorij che è tornato a vivere con sua madre. Grigorij deluso dalle macchinazioni accademiche (peraltro, ci sono voluti diversi anni a team di matematici per capire che la sua dimostrazione era effettivamente corretta), a cui non frega un bel niente di denaro e onoreficienze. Perché noi comuni mortali tanto non possiamo capire, arrivederci e grazie.

Cose che ho imparato da Grigorj Perelman:

  1. La gente sorprendentemente intelligente (o ricca) spesso ama mimetizzarsi nella folla, meglio se apparendo – agli occhi poco attenti dei pecoroni – sorprendentemente insignificante (o povera). Come il multimiliardario Warren Buffet, che tra le gioie della vita annovera le bevande con “free refill” (una specie di “all you can drink” in cui paghi tipo 1$ per un bicchiere e bevi tutta la bevanda che vuoi).
  2. Si può vivere benissimo senza andare mai dal parrucchiere.
  3. Quando qualcuno ti fa rimanere male o incazzare, è perfettamente OK prendersela a morte, per sempre, in modo irrevocabile, e sparire dalla faccia della Terra come ripicca per non dover avere mai più a che fare con certa feccia.

Insomma, pensando a Grigorij Perelman ho fatto un breve giro su Google alla ricerca di scoop recenti (forse per colpa di Gossip Girl, che sto attualmente rivedendo, dopo aver rivisto tutto Game of Thrones e Fringe, ma questo è un argomento per un altro post) e ho realizzato che una giornalista russo-americana, tale Masha Gessen, ha scritto ormai quasi 10 anni fa un libro sulla vicenda, Perfect Rigor: A Genius and the Mathematical Breakthrough of the Centuryche pare interessantissimo, e l’ho ordinato, anche se dubito che riuscirò a leggerlo in santa pace quest’estate, ma ci proverò. (Se vi interessa, a fine agosto uscirà anche la traduzione in italiano).

Per farla breve, si scopre che l’autrice, che a quanto pare scrive regolarmente per il New Yorker (la roccaforte dell’intellighenzia e dei radical chic – espressione coniata indovinate un po’ da chi? Già, proprio dal New Yorker) e per il New York Times, e che oltre ad essere giornalista è anche un’attivista politica, ha pubblicato diversi altri libri, e tutti sembrano estremamente interessanti. Come Words Will Break Cement: The Passion of Pussy Riot (che ho ordinato immediatamente), Blood Matters: From Inherited Illness to Designer Babies, How the World and I Found Ourselves in the Future of the Gene, o il più intimista Two Babushkas: How My Grandmothers Survived Hitler’s War and Stalin’s Peace.

E ora credo di avere una mini cotta intellettuale estiva per Masha, e anzi non appena possibile ascolterò questo episodio del podcast della New York Public Library in cui le viene lasciata la parola, approfittando di qualche tragitto in auto (condizione ideale per ascoltare dei podcast), variando dall’onnipresente The Tim Ferriss Show di cui sono una grandissima fan. Ho imparato talmente tante cose e scoperto talmente tanti personaggi interessanti ascoltando le conversazioni del buon vecchio Timothy (autore dell’indimenticabile The 4-Hour Work Week, che ha contribuito a farmi sfanculare l’ufficio ormai tanti anni fa), non posso fare altro che consigliarvelo. Certo, a volte scade nell’idolatria di personaggi di dubbia fama (Tony Robbins, anyone?) ma glielo perdoniamo.

A questo punto, ho perso il filo del discorso. Ah, giusto: massima stima (e anche un po’ di invidia) per chi raggiunge le vette della matematica (con o senza premi da ritirare), per chi è immune alle convenzioni sociali, per chi scrive e pubblica libri interessantissimi, per chi vive a New York, per chi diventa ricco a suon di risparmiare un cent qui e un cent lì, come Zio Paperone.

Visto che sono finita a parlare di libri e anche di Warren Buffet, vi lascio con un’altra lettura curiosa, anche se non molto adatta da portare in viaggio (il libro è piuttosto ingombrante e pesa decisamente troppo per la borsa da spiaggia o per lo zainetto da trekking). Se invece trascorrerete le ferie in casa, in campagna, in città, senza fare nulla se non riposarvi, leggere, dormire, guardare documentari, serie TV o film cecoslovacchi sottotitolati in finlandese sul vostro divano elegante, indossando un golfino di cashmere per proteggervi dall’aria condizionata, nella vostra dimora lussuosa lontana dalla ressa e dalla plebaglia vacanziera, beh, allora in quel caso è un ottimo libro pieno di spunti interessanti: Poor Charlie’s Almanack: The Wit and Wisdom of Charles T. Munger. Charlie Munger è l’amicone (e socio in affari) di Warren Buffet, in caso non lo conosceste già.

 

unexpected possibilities

TAURUS (April 20-May 20): The game of tic-tac-toe is simple. Even young children can manage it. And yet there are 255,168 different ways for any single match to play out. The game of life has far more variables than tic-tac-toe, of course. I think that’ll be good for you to keep in mind in the coming weeks. You may be tempted to believe that each situation you’re dealing with can have only one or two possible outcomes, when in fact it probably has at least 255,168. Keep your options wide open. Brainstorm about unexpected possibilities. (oroscopo di Rob Brezsny per la prossima settimana)

 

gotta read’em all

Era da un po’ che non parlavo di libri! Tipo, da 2 post :-)

Se non si era capito, sono una bibliofila incallita con un feticismo per la carta… purtroppo questo vuol dire che sono perennemente sommersa dai libri, motivo per cui tra i miei propositi per il 2012 c’era quello di non comprare più nuovi libri finché non avessi letto tutti quelli arretrati. Beh, anche se ho fallito miseramente già da gennaio, sono riuscita almeno a contenere e ridurre il numero di libri acquistati, non rispettando propriamente il mio proposito ma insomma almeno ci ho provato.

Mi sono imbattuta nel “Project 10 Books” di cui parla Eleonora nel suo blog, rilanciando l’idea dal blog di Nicky. Di che si tratta? Molto semplicemente, leggere 10 libri arretrati prima di comprarne uno nuovo. Molto più fattibile rispetto al proposito di leggerli tutti!

(illustrazione presa da qui)

BTW, perché si comprano libri che poi non si leggono? Qui una possibile spiegazione (in inglese), che purtroppo comprende lo shopping compulsivo e il click facile. Oops.

E quindi ecco qui la mia lista di 10 libri x l’estate e oltre. Che dite, è valido elencare libri che ho appena iniziato a leggere? Spero di sì, altrimenti sono rovinata! :)

  1. “The Happiness Project”, di Gretchen Rubin (LETTO – molto interessante!)
  2. “Fifty Shades of Grey”, di E.L. James (LETTO – tremendo)
  3. “Blah Blah Blah: What to Do When Words Don’t Work”, di Dan Roam (ho dovuto rinunciare perché la biblioteca l’ha voluto indietro…)
  4. “How to Wow”, di Frances Cole Jones (LETTO – interessante)
  5. “Feel The Fear And Do It Anyway”, by Susan Jeffers (in progress…)
  6. “Barefoot into Cyberspace”, di Becky Hogge (LETTO – molto bello!)
  7. “Shark’s Fin & Sichuan Pepper”, di Fuchsia Dunlop
  8. “I Could Do Anything If I Only Knew What It Was”, di Barbara Sher (in progress…)
  9. “Le città invisibili”, di Italo Calvino
  10. “Lettera a D”, di André Gorz

P.S. Libri che ho letto ultimamente e che mi sento di consigliarvi:

  • “Let’s pretend this never happened”, di Jenny Lawson (già consigliato e recensito qui)
  • “Some Girls – My Life in a Harem”, di Jillian Lauren
  • “The 4-hour Workweek”, di Timothy Ferriss

日本に行きます!

Per chi non conosce né il giapponese né Google Translate: tra poche settimane visiterò finalmente il Giappone! Nihon ni ikimasu!!

Che cosa faremo nel paese del sol levante, dei samurai, dell’ikebana, della strage di cetacei, del negazionismo storico, della Nintendo e di tutte le tavanate più megagalattiche mai concepite dalla mente umana?

  • non diventeremo radioattivi dato che – mi hanno assicurato – ora è tutto sotto controllo tranne a Fukushima et environs, infatti mi sa che lì non ci andiamo (per chi non avesse letto i giornali negli ultimi 16 mesi, ecco qui un bel rapporto di Greepeace e la pagina di Wikipedia sull’accaduto)
  • depennerò “Visit Japan” dalla mia lista di cose su 43things
  • mangeremo cibo giapponese tutti i giorni OMG <3
  • boh?
  • varie ed eventuali

Prossimamente su questi schermi…

a mild case of depression (a.k.a. “I’m going to the Côte d’Azur, bitch!”)

Ieri sera ho finalmente realizzato di essere depressa. Una lieve forma di nevrastenia, un leggero esaurimento nervoso. Non so se è colpa della Costa Azzurra, della distanza dagli affetti più cari, dell’assoluta mancanza di riscontri per quanto riguarda le cose che mi interessano e che mi rappresentano, dell’incomunicabilità. Ma tutto mi irrita. Il fatto che la ceretta si chiami “épilation” e il nuoto “natation”. Il fatto che le persone trovino divertenti cose che io trovo abominevoli. I russi in Mercedes che cercano di investirmi su una strada pedonale urlandomi dal finestrino “puttana, ficcatelo in culo”, ridendo. Il libro che sto leggendo. Il forno a microonde. La banca online. Il fatto che ogni cosa qui sembri volta al profitto e a fottere il prossimo. Odio tutti più del mio solito, qualcuno mi ha anche suggerito la parola “sociopatica“, piuttosto che il blando “antisociale” che mi sembrava ben descrivesse la situazione. Oppure sono solo stronza e non c’è niente che non vada in questo posto e nelle altre persone.

Fatto sta che a volte mi sembra di vivere in un pessimo realityà la Jersey Shore. Dove Mike “The Situation” è davvero figo e Vinny è un intellettuale. Snooky cerca per davvero l’amore e J-wow è una ragazza dai solidi valori morali. I am going to the Côte d’Azur, bitch! 

L’unica consolazione è il lavoro. Mi piace il mio lavoro. So farlo bene, mi soddisfa. E questo, se vogliamo, è ancora più inquietante, viste le mie posizioni radicali in fatto di adesione ai valori aziendali, arrivismo, vendere il proprio tempo in cambio di denaro, e il senso della vita in generale.

È che io vorrei solo essere felice. Principalmente, vorrei essere circondata da gente che vede il mondo come lo vedo io, o almeno che non mi rompe i coglioni perché ha un’idea totalmente distorta della realtà. Al momento la mia idea di felicità si avvicina molto a chiudermi in isolamento volontario con l’unica persona al mondo che pare essere sulla mia esatta lunghezza d’onda, perfettamente sincrono, mai inopportuno, sempre costruttivo. Ma in qualche modo, non riesco a darmi pace. Non sono pronta a gettare la spugna.

jersey shore